Impianto elettrico di casa da incubo!

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Quando entri in una nuova abitazione c’è sempre un impianto che non è perfetto. È l’impianto elettrico!

Immancabilmente la presa non va bene dove è, non ha la presa giusta, gli interruttori sono posti proprio in quel punto dove volevi mettere quel mobile e così via. O ancora non ti è mai capitato di ritrovarti con placchette veramente antiestetiche?

In realtà i problemi elettrici possono essere risolti o almeno ridotti notevolmente realizzando un impianto elettrico casa correttamente dimensionato.

Basta sapere cosa mettere in casa!

Niente di così complicato. Ci sono due aspetti da tenere in considerazione.

Un primo logico e funzionale e un secondo normativo. Il primo è facilmente risolvibile.

Mediamente una casa ha determinate esigenze in cucina, in salotto, in bagno o in camera. Basta distribuire uniformemente e con un po’ di criterio i punti luce e prese dell’impianto elettrico della tua casa ed il gioco è in gran parte fatto, soprattutto oggi che sono sempre più personalizzabili per le tue specifiche esigenze.

A volte però l’impianto è già presente. Ecco allora una possibile soluzione, scoprila qui nel sito del marchio Bocchiotti. Se poi vuoi capire ancora meglio come è veramente flessibile e semplice da implementare guarda cosa sono le cosiddette parti attive.

Passiamo ora al secondo aspetto.

Fare l’impianto elettrico a norma.

Se ti affidi ad un’impresa (o a un professionista) questa ti rilascia un’attestazione di esecuzione e non dovresti avere problemi. In ogni caso è sempre meglio se alcuni accorgimenti li conosci anche tu. In rete se ne possono trovare diversi, tra cui vengono indicati anche questi 5:

  • il materiale deve essere marcato CE o CEI;
  • i cavi elettrici devono essere sfilabili;
  • devono esserci un interruttore generale di emergenza ed un sistema di messa a terra;
  • le prese elettriche devono essere messe a muro a un’altezza di almeno 30 cm da terra;
  • le prese devono utilizzare un circuito a 16 Ampere, le luci a 10 A (basta un semplice tester da pochi euro che trovi in qualsiasi negozio per verificarlo).

Quindi se vuoi andare sul sicuro pianifica bene dove mettere i vari punti luce e presa e poi affidati ad un installatore serio verificando comunque quello che fa.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn