Controllo e gestione allarme? Domovea

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

A cosa serve Domovea di Hager Sicurezza? Per controllare e gestire un impianto home automation imperniato sul sistema KNX.

Il controllo e gestione allarme Domovea permette di gestire le applicazioni salienti del sistema di automazione senza fili tra le quali ci sono:

– l’illuminazione;

– gli avvolgibili;

– le veneziane;

– la climatizzazione;

– la gestione dei carichi;

– la gestione del sistema di allarme;

il tutto sia in locale che da remoto da qualsiasi dispositivo mobile.

Controllo degli ambienti allarmati

E’ possibile sapere con esattezza cosa sia accaduto nell’ambiente domestico in caso di allarme? Con Domovea non solo è possibile ma è anche semplicissimo.

In caso di allarme, attraverso le videocamere IP si può verificare l’accaduto sia in casa che nelle aree esterne, come in giardino o sul terrazzo, ricevendo le notifiche anche attraverso la propria casella di posta elettronica.

Quali sono le realtà offerte da Domovea di Hager Sicurezza? Non soltanto controllo e gestione allarme, ma anche creazione di scenari di tipo complesso e sequenze logiche, oltre alla gestione ed alla programmazione di 30 profili utente che possono differenziarsi in base a diversi livelli di accesso all’impianto, programmabili singolarmente.

Compatibilità controllo e gestione allarme Domovea

Il nuovo sistema Domovea di Hager Sicurezza è compatibile con:

– Microsoft Windows;

– Android;

– iOS.

Le piattaforme consentono di gestire l’impianto attraverso un’intuitiva interfaccia user-friendly, così che, durante la navigazione, si potranno cliccare le icone dell’applicazione sia con il mouse che con i puntatri o con la propria mano in caso di utilizzo su dispositivi mobile come smartphone e tablet.

Ma cos’è in realtà Domovea di Hager Sicurezza? E’ un mini computer che, sfruttando la canalizzazione delle informazioni in transito sul bus KNX come sulla rete Ethernet, dà accesso e controllo a tutti i carichi gravanti sull’impianto.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn